Pelvic Center: attivo il nuovo reparto del CDM Anxur

CDM Anxur - Pelvic Center

PELVIC CENTER

Il nuovo reparto guidato dal dott. Nallo, specialista in Ginecologia e Urologia, si prefigge di diventare il luogo di riferimento per la cura dei disagi urinari della donna, dalla diagnosi al trattamento medico, al trattamento chirurgico e riabilitativo. I disagi urinari sono:

  • Incontinenza
  • Prolasso
  • Cistiti
  • Dolore Pelvico

Incontinenza e Sessualità: l’importanza del pavimento pelvico

Il pavimento pelvico è l’insieme di muscoli che chiude inferiormente il bacino ed è responsabile della continenza urinaria. La donna a seguito di una gravidanza, menopausa o traumi potrebbe perdere la normale tonicità del pavimento pelvico, ovvero dell’insieme dei muscoli che chiude inferiormente il bacino.

Un pavimento pelvico indebolito può causare diverse problematiche:

  • Incontinenza Urinaria
  • Prolasso degli organi pelvici
  • Disfunzioni sessuali

 

I principali fattori che causano il cedimento dei muscoli pelvici sono:

  • Gravidanza e parto
  • Età avanzata e menopausa
  • Stipsi cronica
  • Tosse cronica
  • Obesità
  • Sollevamento pesi
  • Condizioni genetiche
  • Precedente chirurgia pelvica
  • Fibromi

 

Queste problematiche rappresentano per le donne fonte di preoccupazione e imbarazzo, provocando delle ripercussioni non solo sul piano fisico ma soprattutto su quello psicologico, rendendo le donne meno sicure di sé nella vita sociale e di coppia.

Esistono diverse tipologie di Incontinenza:

  • Incontinenza da sforzo: è la forma di incontinenza più comune tra le donne e consiste nella perdita involontaria di urina attraverso l’uretra a seguito di un aumento della pressione addominale (in concomitanza con colpo di tosse, starnuto, risata o sforzo fisico). Secondo la SIU (Società italiana urologia), l’incontinenza da sforzo colpisce le donne soprattutto dopo il parto (il 50% delle donne presenta un danno dei muscoli e dei legamenti pelvici già al primo parto), ma può essere legata anche agli effetti della menopausa oppure associata al prolasso genitale, ovvero la patologia a carico del pavimento pelvico che può coinvolgere uno o più organi pelvici (vescica, utero, retto), i quali fuoriescono dalla rima vaginale.
  • Incontinenza da urgenza: è caratterizzata da perdite di urina che avvengono a seguito di uno stimolo ad urinare definito urgente, ovvero si ha la sensazione improvvisa di non poter trattenere l’urina. Secondo la SIU, nella maggioranza l’incontinenza da urgenza è causata da iperattività detrusoriale ovvero la presenza di contrazioni involontarie del muscolo vescicale (il detrusore) difficili da controllare, con conseguente perdita di urina. Questo tipo di incontinenza è perciò causata nella maggior parte dei casi da problemi neurologici.
  • Incontinenza urinaria mista: quando le perdite involontarie si associano sia all’urgenza sia allo sforzo fisico come lo starnutire e il tossire. Questa forma rappresenta la condizione più comune di incontinenza nelle donne anziane.

Incontinenza: un argomento tabù con forti ripercussioni sulla vita di coppia

L’incontinenza urinaria ed i problemi della sessualità legati all’età, al parto o alla menopausa (atrofia vulvo-vaginale, lassità vulvo-vaginale, prolasso utero-vaginale) sono una problematica sottovalutata, nascosta e con un profondo impatto sulla sua qualità della vita delle donne.

Secondo studi scientifici, le patologie a carico del basso ventre, infatti, possono compromettere fortemente la qualità della vita sessuale delle donne, divenendo concausa di altre patologie: anorgasmia, disturbo dell’eccitazione, vaginismo e calo del desiderio.

L’incontinenza urinaria femminile è molto diffusa e secondo la NAFC (National Association For Continence) sono 200 milioni le persone affette di incontinenza in tutto il mondo, sebbene 5 donne su 10 ne parlino con il proprio medico

Gli aspetti emotivi e psicologici che accompagnano questa patologia non possono essere trascurati, perché incidono fortemente sull’attività sociale e sessuale.

Le donne con disturbi di incontinenza, infatti, riportano:

  • Perdita di sicurezza nel 50% dei casi
  • Perdita di Intimità con il proprio partner nel 45% dei casi

 

La sfera intima è quella più colpita poiché l’incontinenza col tempo determina disfunzioni sessuali che deteriorano l’autostima ed il rapporto con il partner. Tutto questo può essere causa di un fortissimo stress emotivo, il quale a sua volta ha un impatto negativo sul benessere e la salute della donna.

Sentimenti di vergogna e perdita di autostima portano ad un graduale isolamento della donna dalla vita sociale che si autolimita nel praticare sport, socializzare con i colleghi etc. 

La sfera sessuale è la più compromessa:

  • Circa il 30% delle donne confermano un notevole decremento dell’attività sessuale
  • Il 46.5% delle donne incontinenti manifesta disfunzioni sessuali (vaginismo, disturbi del desiderio, disturbo dell’eccitazione e dell’orgasmo)

L’approccio integrato del nuovo Pelvic Center a cura del Centro Anxur e Medies per affrontare il problema

Il nostro centro medico adotterà un approccio multidisciplinare e di medicina integrata per affrontare tale problematica. Le figure che verranno coinvolte nella presa in carico della paziente sono:

  • Uro-ginecologo
  • Urologo
  • Ginecologo
  • Neurologo
  • Fisioterapista specializzato in Riabilitazione del Pavimento pelvico

 

Altri Specialisti coinvolti:

  • Psicologo
  • Medico Estetico
  • Nutrizionista
  • Endocrinologo
  • Esperto in Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia

Il Percorso Riabilitativo proposto dal CDM Anxur

VISITA UROGINECOLOGICA O UROLOGICA

L’equipe medica, guidata dal dott. Nallo (specialista in GInecologia e Urologia), indicherà il percorso terapeutico più adatto alla persona, potendosi avvalere, in relazione al caso clinico, di differenti possibilità di trattamento sia di carattere chirurgico, sia di carattere medico.

A supporto del percorso terapeutico individualizzato, scaturito dopo un’accurata valutazione clinica da parte del Medico, il Centro mette a disposizione le migliori tecnologie presenti sul mercato per il corretto inquadramento diagnostico e per la risoluzione del problema dell’incontinenza urinaria e delle disfunzioni sessuali connesse alla patologia.

Accertamenti Diagnostici:

  • Ecografia pelvica
  • Uroflussometria libera
  • Esame Urodinamico (con eventuale elettromiografia del pavimento
  • pelvico)

 

Tecnologie presenti nel centro di Fisioterapia e Riabilitazione:

  • Fisiochinesiterapia perineale: consiste in una serie di esercizi volti ad una maggiore presa di coscienza da parte della donna della propria zona perineale ed il rafforzamento della muscolatura del pavimento pelvico.
  • Biofeedback perineale: si avvale di una sonda vaginale che registra tramite un computer l’attività muscolare del pavimento pelvico. Sul monitor la donna vede il grafico del proprio lavoro muscolare poiché ad ogni contrazione corrisponde un tracciato che ne indica l’intensità e la durata. Questa metodica viene abbinata alla ginnastica perineale per indurre nella donna una maggiore consapevolezza della propria contrazione muscolare.
  • Elettrostimolazione perineale: è una stimolazione passiva che stimola i muscoli del pavimento pelvico ed ha un effetto benefico sul dolore perineale. È praticata mediante una sonda vaginale munita di elettrodi superficiali, che conducono una corrente elettrica continua assolutamente indolore.
  • Sedia per l’incontinenza di BTL: dispositivo specifico per la cura dell’incontinenza urinaria da stress, da urgenza e mista: la tecnica rivoluzionaria è basata su campi elettromagnetici ad alta intensità che consentono il potenziamento muscolare del pavimento pelvico senza l’utilizzo di sonde invasive per la paziente, la quale può eseguire la terapia vestita e comodamente seduta sul dispositivo. La Sedia BTL utilizza impulsi elettromagnetici focalizzati ad alta intensità secondo una metodica brevettata (HIFEM). La sua elevata intensità consente di raggiungere contrazioni dei muscoli sovramassimali, mentre il paziente resta comodamente seduto sull’applicatore a poltrona. Si possono apprezzare benefici già dopo 6 trattamenti.
  • Radiofrequenza Ultra Femme 360 di BTL: il trattamento di ringiovanimento vaginale specifico per la cura dei problemi di Lassità Vulvo-Vaginale, Atrofia Vulvo-Vaginale ed Incontinenza Urinaria da Stress. Grazie all’azione combinata di radiofrequenza ed ultrasuoni, svolge un’azione antiage sui tessuti vaginali interni ed esterni, in maniera indolore, rapida e senza ricorrere alla chirurgia. Il trattamento induce un incremento significativo di elastina e collagene nella zona trattata in sole 6 sedute. Il macchinario è perciò indicato per le donne che hanno da poco partorito e le donne in menopausa.

 

 

FOLLOW UP DEL PERCORSO TERAPEUTICO

Dopo aver indicato alla paziente la terapia, il trattamento o l’insieme di trattamenti più adatti a risolvere il suo problema, la donna verrà accompagnata nel suo percorso, con dei controlli intermedi per comprendere l’andamento della terapia ed eventualmente indirizzarla agli altri professionisti che possono aiutarla ad intraprenderlo correttamente (Psicologo, Endocrinologo, Reumatologo, etc.).

Vieni a scoprire la nostra Sedia BTL

Grazie agli impulsi elettromagnetici focalizzati ad alta intensità si possono avere benefici già dopo 6 trattamenti.

Chiamaci e prenota subito una visita con i nostri medici specialisti!

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni". Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "accetto" acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi